Google+ Followers

giovedì 28 giugno 2012

QR Code: if I were in your shoes

Creativi e non, con contenuti ad hoc oppure no, strumenti di vendita, brand engagement o brand experience oggi è per me giunto il momento di condividere alcune riflessioni ulteriori sul QR Code....

Dimenticatelo!
No.... non lo sto rinnegando sto solo cercando di allontanarmi dal tema degli  "usi impropri" o degli "usi virtuosi" che si possono fare del QR Code fine a se stessi per tornare alla base.

Oggi mi diverto a vestire i panni del marketing manager per provare a capire se è opportuno usare il QR Code per il mio prodotto/la mia brand, con quali obiettivi e con quali modalità.
E dato che il QR Code, sfruttando una tecnologia del tutto volontaria, rientra probabilmente nell'ambito del permission marketing, allora vorrei anche domandarmi se le persone a cui mi rivolgo, nel momento in cui le chiamo in causa, sono davvero potenzialmente interessate alle mie argomentazioni oppure no.
Diversamente ho fallito!!!!

Anche per il QR Code c'è un tempo e un modo di utilizzo,  come per tutto nella vita.

Le basi
Prima di decidere se integrare il QR Code nella propria strategia di marketing potrebbe essere necessario rispondere ad alcuni basics:

In quale categoria merceologica rientra il mio prodotto? Food? Giochi? Abbigliamento e accessori? Cosmetica? Bevande?
Il mio prodotto può essere considerato un acquisto d'impulso? Oppure è un acquisto pianificato? Rispondo ad un bisogno temporaneo o di lungo periodo?
Ha un posizionamento di prezzo accessibile oppure no?
E' un acquisto ad alto o basso coinvolgimento emotivo?

Si perché se sto passeggiando per la strada, durante la pausa pranzo, ed una nota marca di giocattoli mi offre un link alla home page del sito solo per mostrarmi "a colori" i giochi in questione ed il loro prezzo... beh mi vien da dire... ma chi se ne importa? La risposta è non è il momento, non è il caso.....a meno che io non stia impazzendo alla ricerca del regalo di compleanno per mio figlio.. quante probabilità? 1 su 10000 forse...

Mentre se lo stesso giorno, percorrendo la stessa strada mi imbatto in un QR Code presente sulla vetrina di un bar, decido di curiosare e scopro che in quel giorno, in quel momento si sta preparando il mio piatto preferito ... beh allora dico... grazie tante!!! quasi quasi entro dentro ad assaggiarlo.

Gli obiettivi di marketing
Dopo aver provato a dare la risposta giusta ai basics del mio prodotto allora è il momento di definire gli obiettivi.
Qual è la mia sfida di marketing? Quali obiettivi sono attribuibili al QR Code?

Il canale
Dopo aver individuato i miei obiettivi è giunto il momento di definire le modalità.
Dove deve vivere il QR Code? Sul prodotto? In advertising? Out of home? InStore? Sulla vetrina?

Ed ecco giunto il momento di mostrarvi una piccola raccolta di esempi utili a capire come, sulla base del mio prodotto, del tipo di acquisto che esso implica e degli obiettivi che intendo raggiungere è possibile fare un uso smart del QR Code 
1. In un mondo dove le carte igieniche sono delle commodity e sono tutte uguali [a parte quelle che si trovano nei punti di ristoro lungo le autostrade] Foxy ha individuato il canale (In home), l'obiettivo (brand engagement) e il contenuto (intrattenimento) per costruire un proprio, autentico coinvolgimento con la brand.
Foxy: not a normal toilet paper

 

2.Quando dare impulso alle vendite durante la pausa pranzo diventa l'obiettivo primario condito con un trick creativo di tutto rispetto (alla luce del sole) allora si combinano brand engagement con obiettivi di vendita immediata.
Emart - Sunnny Sales



3.Brand awareness mixato con un servizio ad hoc per i fashion addicted gli obiettivi di F&F la nuova subbrand del gruppo Tesco [puoi prenotare il tuo capo con una semplice scansione del QR Code presente sulle vetrine].

F&F by Tesco 



Se hai scoperto altre cases history....... condividile :D.....
Pin It

lunedì 25 giugno 2012

Festival Cannes 2012: valore nel sociale

A poche ore dalle ultime celebrazioni del Festival della Creatività di Cannes 2012 mi fa piacere raccogliere in questo post 5 progetti creativi, alcuni pluripremiati, che nel corso degli ultimi giorni monitoravo con occhio a metà fra il critico e lo speranzoso... 
Si perchè quest'anno il mio occhio, e forse quello di molti di voi, tendeva a soffermarsi sulla creatività di un certo tipo, quella buona, quella che fa bene all'umore o ancora quella che nel concreto si pone degli obiettivi  sociali come la campagna del Banco Popular di Puerto Rico o Shop Small di American Express.
Ammetto che non si può essere d'accordo con tutte le decisioni prese dalla Giuria di Esperti e che per questo non tutte le campagne buone mi hanno lasciato la stessa "piacevole sensazione": una di queste è Unhate di Benetton che per quanto finalizzata a sostenere scopi "umanitari" di un certo peso e valore, l'ho trovata pretestuosa e  iperbolica.
Adoro letteralmente Chipotle che resta la mia prima scelta dell'anno in termini di messaggio, trattamento, esecuzione, scelta della colonna e Integration Day di Saatchi&Saatchi.
Credo che il comune denomitore SOCIALE di molti progetti vincenti debba far riflettere in merito al ruolo che la comunicazione pubblicitaria e non svolge, direi da sempre,  nella definizione della cultura, dei principi, delle attese ed ora anche dei valori condivisbili universalmente.

1. Chipotle: Back to the start
2012 Film Lions Grand Prix and 2012 Branded Content & Entertainment Lions Grand Prix
Credits: Creative Artists Agency, Los Angeles - Client Chiptole - Cover by Willie Nelson



2. American Express: Shop Small 
2012 Promo & Activation Lions Grand Prix and 2012 Direct Lions Grand Prix
Credits: Agencies - Crispin Porter + Bogusky, Boulder, Colo., and Digitas, New York — Client: American Express

 

 3. Benetton: Unhate
2012 Press Lions Grand Prix

Credits: Agencies - Fabrica, Treviso, Italy, and 72andSunny, Amsterdam 


 4. Banco Popular: El Gran Combo
2012 PR Lions Grand Prix
 
Credits: Agency - JWT, Puerto Rico — Client: Banco Popular
 


5. Integration Day - Illy- Pampers - Averna- Toyota - Cartasi
2012 Film Golden Lions

Credits: Agency - Saatchi&Saatchi



Pin It

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...